Guida allo storage

Pubblicata la nuova Guida allo Storage

E’ stata pubblicata in questi giorni la versione 2017 della Guida allo Storage: 5 motivi per accumulare.

Da tempo rappresenta un riferimento per comprendere l’evoluzione dei sistemi di storage presenti nel mercato italiano: 40 pagine dedicate alla tecnologia e ai prodotti.

Accumulare energia risponde alle esigenze di un proprietario di un impianto fotovoltaico di maggiore autonomia ed autoconsumo, che beneficia di un risparmio in bolletta.

Le propensioni all’innovazione e agli orientamenti etici si associano sempre più a risvolti economici.

Prossimi corsi di formazione

Aumentare l’autoconsumo di un impianto fotovoltaico

Un sistema di accumulo sta diventando un componente sempre più richiesto al momento della realizzazione di un nuovo impianto fotovoltaico, consentendo l’ottimizzazione dell’autoconsumo di energia.

Sta crescendo anche il numero di impianti fotovoltaici esistenti che vanno ad applicare in retrofit un sistema di storage.

Complessivamente questo mercato è raddoppiato nel corso del 2016, con una forte quota dei sistemi compresi tra i 4 e i 6 kWh, ed una preferenza marcata per i sistemi semplici da installare.

Nella guida sono presentati alcuni dei sistemi di qualità di maggior successo in Italia come: per ABB il REACT; per SMA lo SmartEnergy e il Sunny Boy Storage; per Fronius il Symo Hybrid; per VARTA l’Element; per Samsung SDI l’ESS; Solax con le batterie RESU LG Chem o RES Fiamm; Solaredge con Storedge.

I sistemi presentati rispondono a tutte le esigenze di abbinamento ad impianti fotovoltaici: per impianti nuovi o ad integrazione di impianti esistenti; monofase e trifase; all-in-one o come associazione di batteria ed inverter; per impianti in Conto Energia e in detrazione fiscale; soluzioni modulari o monoblocco; da alcuni kWh di capacità a molte decine.

Risulta evidente che il sistema di accumulo deve essere scelto con grande attenzione per evitare inadeguatezze di norma o di funzionalità dell’impianto; di perdere incentivi acquisiti; insoddisfacenti prestazioni o inaffidabilità del sistema.

Per far questo è consigliato di rivolgersi ad un installatore professionale, in grado di offrire una gamma ampia di soluzioni di qualità.

Leggi anche