Modalità di ricarica di un’auto elettrica

Sono 4 le modalità che consentono di ricaricare un veicolo elettrico. Alcuni veicolo in prevalenza moto elettriche o minivetture sono predisposte per la ricarica attraverso una presa domestica o  industriale comune (Modo 1, 2) altri veicoli invece necessitano di potenza più elevata e protezioni maggiori (Modo 3, 4).

Modo 1

è una ricarica che avviene in corrente alternata (AC), fino a 16 A, tramite una presa domestica o industriale e non è presente nessuna protezione e nessuna comunicazione con il veicolo.

» Questa modalità è quella usuale per i veicoli leggeri, ad esempio moto elettriche.

 

 

 

Modo 2


è una ricarica in CA tramite una presa domestica o industriale dotata di un dispositivo di protezione integrato nel cavo di ricarica.

Il dispositivo di protezione detto “Incable Control Box” (ICCB) ha la funzione di regolare la potenza e di monitorare i parametri di sicurezza (ad esempio di integrare una protezione differenziale).

» Questa tipologie è applicabile solo in ambito domestico e industriale, non per ricarica aperta a terzi o pubblica.

 

 

 

Modo 3


è quando il veicolo elettrico viene collegato ad una stazione di ricarica fissa (EVSE) che provvede a: comunicare con il veicolo tramite un protocollo PWM, assolvere alle funzione di protezione differenziale e magnetotermica, gestire l’abilitazione e gli opportuni blocchi di sicurezza.

» Con questa modalità, tramite connettori e prese Tipo 2, il veicolo può essere ricaricato in corrente trifase fino a 63 A (circa 44kW) in ambienti sia privati che pubblici.

 

Modo 4


Si ha quando la ricarica avviene tramite una stazione fissa in corrente continua (CC) che è dotata delle funzioni di controllo e protezione.

» Può essere dotata di spina Tipo 2, per correnti fino a 80 A oppure di tipo Combo, per correnti fino a 200A per una potenza fino a 170 kW.

 

 

Comunicazione dispositivo di ricarica con il veicolo

Le modalità 2, 3 e 4 sono quelle che consentono la comunicazione del dispositivo di ricarica con il veicolo; prima dell’inizio del processo di ricarica si attiva una comunicazione, del tipo a PWM, dove vengono scambiati e sintonizzati diversi parametri:
– la potenza massima consentita dal cavo,
– la potenza massima della stazione di ricarica e del dispositivo interno all’auto, ecc…

Quando tutte le questioni di sicurezza sono conformi viene abilitata l’erogazione e può avviarsi la ricarica.

All’Energy Mobility Tour approfondiremo tutti questi aspetti

Per approfondire l’argomento e scoprire tutte le novità, normative e prodotti su fotovoltaico e mobilità elettrica, partecipa ad una delle 4 tappe del nostro tour: TREVISO 12 novembre, MILANO 13 novembre, TORINO 14 novembre, MODENA 15 novembre.

Leggi anche:

Modalità di ricarica di un’auto elettrica was last modified: ottobre 31st, 2018 by VPmin