Le basi per il risparmio

La spinta dell’UE, dal punto di vista della salvaguardia del clima, sta portando i vari stati membri ad incentivare soluzioni a basso impatto ambientale.

Uno dei mercati che più risentirà di questo cambiamento di rotta è quello relativo agli edifici residenziali, sia dal punto di vista dell’involucro che degli impianti energetici.

Soluzioni green per garantire il fabbisogno energetico

Per quanto riguarda gli impianti, le soluzioni più conosciute sono quelle relative all’utilizzo del fotovoltaico, delle pompe di calore, degli impianti solari termici e termodinamici che sfruttano l’energia solare per garantire il fabbisogno energetico dell’abitazione.

Riduzione dei consumi energetici attraverso piccole azioni

La riduzione dei consumi passa però anche attraverso piccole azioni quotidiane e l’utilizzo di dispositivi intelligenti, come le prese smart, grazie alle quali è possibile controllare ed automatizzare qualsiasi elettrodomestico o apparecchio, avendo in aggiunta un controllo sui consumi effettivi di ogni dispositivo, l’uso di lampadine a LED e la sostituzione di elettrodomestici datati con nuovi aventi classe energetica A++.

Risparmio energetico in azienda

In Italia molte aziende private ed enti pubblici, a prescindere dalla zona geografica in cui si trovano o dalla loro grandezza, sostengono dei costi energetici molto elevati rispetto alla media europea, addirittura fino al 28% in più.

Durante l’agosto del 2018 è stata introdotta una nuova norma chiamata ISO 50001, la quale ha il compito di indurre le aziende ad implementare un miglior sistema di gestione dell’energia che si fonda sulle seguenti azioni:

  1. pianificazione complessiva: che consiste in un’analisi energetica, nella definizione di una strategia di intervento, con degli indicatori di performance ed infine una serie di obiettivi ed interventi diretti;
  2. piano di azione: realizzare i piani di gestione energetica definiti;
  3. controllo: monitorare e misurare i processi e le caratteristiche principali delle operazioni che determinano la performance energetica, riportando i risultati raggiunti;
  4. azione: impostare una serie di interventi che garantiscano un continuo miglioramento delle prestazioni e del sistema di gestione.

In un’azienda ovviamente ci sono molte soluzione percorribili per risparmiare a livello energetico.

Come nel caso “domestico”, il fotovoltaico e la gestione intelligente degli impianti attraverso la domotica sono le soluzioni più conosciute.

Recupero dei costi dell’investimento iniziale

Si pensa che un’abitazione progettata per essere ad impatto zero sull’ambiente (nZEB) costi molto di più degli edifici tradizionali.
Non è così: il differenziale dell’investimento iniziale generalmente si ripaga in 2-3 anni di utilizzo della casa stessa.

Read more:

Le basi per il risparmio was last modified: Ottobre 8th, 2019 by VPmin