Storedge: come ottimizzare l’autoconsumo

StorEdge™ è la soluzione SolarEdge accoppiata in CC che fornisce automaticamente ai proprietari di impianti domestici alimentazione di backup in caso interruzione della rete, consentendo di massimizzare l’autoconsumo per la massima indipendenza energetica.

Aumenta l’autoconsumo con il sistema StorEdge

L’energia fotovoltaica inutilizzata è immagazzinata in una batteria e utilizzata in caso di interruzione di corrente o quando la produzione di energia fotovoltaica è insufficiente.

 

 

Laddove manca potenza, si utilizza una combinazione di FV e batteria per alimentare carichi importanti quali frigorifero, TV, luci e prese di corrente, di giorno o di notte. La soluzione è basata su un unico inverter per il fotovoltaico, l’accumulo e l’alimentazione di backup.

Benefici della soluzione SolarEdge™

Più energia

  • La soluzione accoppiata in CC consente un’elevata efficienza di sistema
  • L’energia fotovoltaica viene accumulata direttamente nella batteria
  • Nessuna conversione aggiuntiva da CA a CC e di nuovo a CA
  • Ottimizzazione di potenza a livello di modulo per una maggiore resa energetica

Semplicità di progettazione e installazione

  • Un unico inverter per il fotovoltaico, accumulo e alimentazione di backup
  • L’installazione esterna consente flessibilità nella posizione della batteria
  • Non occorrono cavi speciali -> si utilizzano gli stessi cavi del fotovoltaico

Piena visibilità e semplice manutenzione

  • Monitoraggio dello stato della batteria, della produzione fotovoltaica e dei dati di autoconsumo
  • Consumo di energia più intelligente per ridurre la bolletta dell’elettricità
  • Monitoraggio dei livelli energetici della batteria e delle ore residue dell’alimentazione di backup
  • Accesso remoto a software inverter/batteria

Sicurezza migliorata

  • Campo fotovoltaico e tensione della batteria progettati per ridurre la tensione ad un livello sicuro all’arresto CA quando non si trovano nella modalità di backup
  • Conforme a VDE-AR-E 2100-712

 

Leggi anche:

Sei pronto per l’ENERGY MOBILITY?